Renzo

Del Prete

 

Con la sua azienda a San Ginese di Compito, Renzo si divide fra le produzioni cerealicole e industriali e gli ortaggi. Insieme al socio “di fatto” Giovanni da quasi venti anni ha recuperato la produzione di 4 fagioli lucchesi ed il Cece Lucchese partendo da piccolissime quantità e mettendo a punto una tecnica che prevede una parziale meccanizzazione della coltura e, in questo modo, la riduzione dei costi di produzione senza togliere niente alla qualità del prodotto. Cannellino di San Ginese, Rosso di Lucca, Scritto di Lucca, Malato e Cece Lucchese hanno trovato le condizioni ideali per esprimere al meglio le loro qualità nei terreni fertili bagnati dal Rio Visona. Proprio con i fagioli Renzo entra del Registro dei “Coltivatori Custodi” della Regione Toscana, agricoltori che effettuano la conservazione in campo delle varietà a rischio estinzione. I legumi tradizionali consentono di mettere in campo una qualità organolettica valorizzabile ma scontano le problematiche legate alle minori produzioni e ai maggiori costi di produzione che derivano dalla tradizionalità delle lavorazioni, per quanto parzialmente meccanizzate, dove l’apporto di lavoro manuale è determinante soprattutto nella fase finale della selezione. Per certi versi scelta eroica ma anche la voglia di un produttore di tornare ad essere protagonista delle proprie scelte e orgoglioso dei suoi prodotti.

 

< Indietro